Progetto

Questo sito esiste per contribuire al mantenimento della memoria dei fatti di Russia. Ma ritiene doveroso farlo prescindendo da ogni tentazione nazionalistica o nostalgica e invece fondandone il ricordo e ogni valutazione, sull’articolo 11 della Costituzione Italiana, quello che ripudia la guerra. Un articolo concepito e approvato proprio come risposta alla appena conclusa, catastrofica esperienza bellica. Solo così la Storia di quelle Nazioni, in primis europee, e di quelle famiglie, in primis le nostre, potrà intrecciarsi in modo utile alla comprensione del passato, all’interpretazione del tempo presente e alla formazione dei necessari anticorpi contro ogni possibile amnesia.

Lo fa perseguendo due obiettivi.

Essere utile a quei tanti che ancora cercano notizie del proprio caro aiutandoli a mettere in fila le labili tracce di cui dispongono e offrire un “luogo” in cui, chi vuole approfondire aspetti e circostanze di quelle vicende, possa trovarne l’opportunità .

La caratteristica fondamentale del primo vuole essere quella di mettere a disposizione note e documenti che trattano di singole unità e che, proprio per questo, possono contribuire a illuminare o almeno inquadrare le tracce disponibili. Domande e conversazioni si rimandano però ai più appropriati Gruppi facebook o Forum .

Molti dei documenti condivisi sul sito sono copia fotografica di originali conservati presso l’Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito Italiano (A.U.S.S.M.E.) in Roma e per la prima volta pubblicati sul Web. Si ringrazia l’Ufficio Storico per l’autorizzazione.

Il  secondo obiettivo è, a sua volta, duplice. Da una parte offrire spazio perchè cittadini curiosi possano presentare propri studi e riflessioni (a ciò è dedicata la pagina titolata Sulla campagna di Russia), dall’altra invece offrire un’aula virtuale per video-conferenze a disposizione per seminari con docenti, ricercatori, specialisti in genere, per chi vuole approfondire le conoscenze su fatti e circostanze.

Riccardo Bulgarelli

  • TRACCE : quali possono essere quelle che ciascun militare lascia dietro di se? A chi e come richiederle? Come decifrarle per poter iniziare la ricerca dei noti cari?

Un pensiero su “Progetto

  1. Mio zio, appartenente alla divisione Julia- BTG. Cividale, è di un disperso in Russia. Gradirei essere informato sulle vostre attività divulgative. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto